Pellet di Legno

Pellet di legno

Produttori Italiane di pellet

La reale quantità di Pellet prodotto in Italia è un dato non facilmente riscontrabile, in quanto, gran parte dei produttori,  oltre a vendere la produzione diretta, spesso vende anche pellet di importazione. Quantità che talvolta si avvicina al 100%.
Molti impianti  in Italia sono  fermi  per motivi tecnici ed economici.

Legna secca Lituania

legna secca
www.woodbioma.lt

Pellet di legno Tomdeka Lituania

pellet di legno tomdeka
www.tomdeka.lt
Prezzo 140-180 EUR / t – Exw

Baltic pellets Lituania

baltic pellets
www.baltic-pellets.lt
Prezzo 140-180 EUR / t – Exw

Negli ultimi anni sono stati installati numerosi impianti di produzione di Pellet nel nostro Paese senza tenere presente le condizioni tecnico-economiche italiane, spesso,  tendenzialmente sfavorevoli alla produzione di pellet.
I nostri boschi sono caratterizzati da una prevalenza di ceduo-matricinato,  forma di allevamento del bosco che porta alla produzione di tronchi di piccolo diametro. Inoltre, le essenze più diffuse sono specie a legno duro,  con cortecce spesse e rugose che raccolgono facilmente corpi estranei che finiscono inevitabilmente nel prodotto finito, divenendo i futuri responsbili della produzione di residui duri o croste in fase di combustione.
I tronchi di  piccolo diametro non possono  essere sottoposti al processo di scortecciatura, o decortecciatura, a discapito della qualità del pellet.
Come se non bastasse, i Produttori Italiani di Pellet soffrono costi di produzione tra i più alti d’Europa, dalla corrente elettrica, ai salari, alle tasse, a proibitivi costi di carburante per il rifornimento di materia prima ed  trasporto del prodotto finito, ancora una volta tra i più cari d’Europa.
Da qualche anno è nata ASSOPELLET, l’associazione che riunisce i produttori italiani di pellet di legno, proprio per risollevare le sorti del Made in Italy nel settore del pellet di legno.

Pellet Migliore

 

Superata, infatti, la fase di “entrata nel sistema Pellet” il consumatore, dopo avere avuto, in qualche situazione, esperienze negative di acquisto di “Pellet” da venditori spariti dalla circolazione con la stessa velocità di come erano apparsi sul mercato, pone sempre maggiore attenzione ad affinare il reperimento del Pellet.

Baltic pellets Lituania

baltic pellets
www.baltic-pellets.lt
Prezzo 140-180 EUR / t – Exw

Legna secca Lituania

legna secca
www.woodbioma.lt

Pellet di legno Tomdeka Lituania

pellet di legno tomdeka
www.tomdeka.lt
Prezzo 140-180 EUR / t – Exw

Oggigiorno trovare del buon Pellet è una esigenza di coloro i quali, avendo già acquisito una certa esperienza con questo combustibile hanno superato il concetto di risparmiare sul sacco acquistato, estendendo a tutta la gestione del calore, la valutazione del costo del “Pellet”.
Un Pellet che costa poco ma blocca la stufa o la caldaia con frequenza, che lascia al freddo o non riscalda come deve o che, per mantenere il calore stabilito dalla stufa necessita di quantità superiori, che crea un notevole residuo, che necessita di manutenzione ordinaria superiore alla media (una volta l’anno) , questo Pellet che è costato magari 20 o 30 centesimi in meno a sacchetto da 15 Kg. Ha finito per incidere, nel suo complesso di gestione del calore, con numeri superiori al mero costo del sacchetto superiore di qualche centesimo.

Ed inoltre, la gestione, l’uso e il deperimento dell’amata stufa o caldaia che tanto fa risparmiare rispetto ad altri combustibili, non si degrada prima e dà l’affidabilità voluta dal consumatore.
Pellets migliore, da acquistare presso aziende collaudate, conosciute, apprezzate nel variegato mercato del Pellet, premiate dai consumatori finali che hanno raggiunto una conoscenza più approfondita del Pellet e che non si soffermano solo sul prezzo del sacchetto, ma guardano oltre, al…. Pellet migliore.

Pellet in Italia

L’AIEL (Associazione Italiana Energie Agroforestali) informa con “fotografie di mercato” la costante e impetuosa scalata del Pellet, basta pensare alle 188.000 stufe vendute nel 2011 con un parco nazionale di stufe  di 1.561.000, produzione di Pellet ampiamente inferiore alla richiesta e richiesta di Pellet che cresce con un’evoluzione a macchia d’olio.
Il Pellet prodotto in Italia rappresenta circa il 30% della domanda italiana, anche se, molti produttori italiani hanno scelto i Paesi con minori costi di biomassa e di gestione per produrre un prodotto povero come il Pellet, settore che non conosce incentivi diretti, a differenza di tanti altri Paesi stranieri.

Pellet di legno Tomdeka Lituania

pellet di legno tomdeka
www.tomdeka.lt
Prezzo 140-180 EUR / t – Exw

Legna secca Lituania

legna secca
www.woodbioma.lt

Baltic pellets Lituania

baltic pellets
www.baltic-pellets.lt
Prezzo 140-180 EUR / t – Exw

Il Pellet in Italia è caratterizzato da crescita costante che non conosce soste, un interesse sempre maggiore verso questo settore alimentato da biomassa, fonte di energia rinnovabile, pulita, ecologica.Il Pellet in Italia è diffuso, in particolare, nelle abitazioni, ville, casali domestici che scoprono, giorno dopo giorno, il vantaggio di un incredibile risparmio rispetto al carburante precedentemente impiegato per scaldare la propria casa, e che, in progressione, affiancano al risparmio anche una crescita culturale e sociale di maggiore rispetto verso la natura, verso l’ambiente che li circonda.

Pellet in Italia. Apparso nei primi anni ’90 in Italia, proveniente dai Paesi utilizzatori, quali Canada, Austria, Paesi scandinavi ed altri, ha, oggi, raggiunto la vetta in Europa, nel senso che l’Italia è il maggior consumatore di Pellet europeo, anche se, in maggior parte, per uso domestico, a differenza di altri Paesi.
Progetto fuoco, la principale mostra del settore che si tiene a Verona ogni due anni, celebra costantemente la crescita del settore Pellet in genere, dalle stufe, alle caldaie, alle varie tipologie di Pellet.

Pellet cenere

Basta sprechi! Utilizziamo anche la cenere che generalmente buttiamo. Come fare? Recupero e riciclo.

Dopo la combustione i pellet lasciano nel cassetto cenere che è il residuo dalla combustione, solitamente molto ridotta rispetto ad uno stesso quantitativo di legna, ma invece che gettarla scopriamo che utilizzo se ne può fare. ricordiamo che la cenere deve comunque venire da un prodotto certificato.

Vi ricordate i rimedi della nonna? Per lavare panni e stoviglie si utilizzava la lisciva, un mix tra cenere e acqua, generalmente in un rapporto 1 a 5, si lascia bollire per circa 30 minuti poi si filtra il risultato (consigliata una garza o del cotone) si ottiene così un liquido sgrassante utilizzabile per il lavaggio di vestiti e stoviglie.

Questo liquido giallastro che avrete ottenuto si chiama lisciva, e può essere utilizzato sia per lavaggi a mano sia in lavatrice e lavastoviglie (possibilmente con un po’ di buon sapone di marsiglia).

Se vi avanza un po’ di questo prodotto, perché no, vi do un altro buon consiglio, unitelo a un po’ di olio di oliva e avrete un’ottima pasta utile a lucidare fornelli e superfici.

Baltic pellets Lituania

baltic pellets
www.baltic-pellets.lt
Prezzo 140-180 EUR / t – Exw

Pellet di legno Tomdeka Lituania

pellet di legno tomdeka
www.tomdeka.lt
Prezzo 140-180 EUR / t – Exw

Legna secca Lituania

legna secca
www.woodbioma.lt

Credete che sia finita qui? Vi sbagliate! La cenere, ricca di potassio, calcio e fosforo, è un ottimo fertilizzante per il giardinaggio, spargere la cenere in maniera omogenea e senza eccessi prima di vangare il terreno (potete anche avvantaggiare il lavoro, la cenere non perde le proprietà fertilizzanti), con il residuo cenere di 10 sacchetti di pellet da 15kg si riesce a coprire la superficie di un giardino di circa 10 mq.

L’utilizzo meno conosciuto della cenere è quella diproteggere le piante da lumache semplicemente circondando i vegetali con lunghe strisce di cenere e evitare di utilizzare prodotti chimici che possono danneggiare il giardino e sono tossici per altri animali.

Un ultimo utilizzo che si può fare della cenere è se avete una produzione di compost (il risultato della decomposizione e dell’umidificazione di un misto di materie organiche) aggiungendo cenere tolta dalla vostrastufa a pellet, avrete diversi benefici come ad esempio: assorbimento dell’umidità, riduzione dell’acidità della fermentazione e rendono il prodotto finale migliore.

Greenenergy expo

Luogo della manifestazione:

Fiera Milano Spa
S.s del Sempione, 28
20017 Mailand
Italia

La terza edizione di GREENERGY EXPO – Produrre energia risparmiando il Pianeta, il salone dedicato alle energie rinnovabili in programma dal 16 al 19 novembre 2013 a fieramilano, accenderà ancora una volta i riflettori su biogas, cogenerazione, geotermia, mini-idroelettrico, biomasse e biocarburanti, con la prevista presenza di oltre 100 espositori.

Pellet forum

A differenza del greggio, i prezzi del pellet si sono assestati da anni su livelli relativamente bassi: un dato di fatto che giova alla crescita di tutta la branca. Gli esperti del settore si incontrano al 12th Pellets Industry Forum dal 9 al 10 ottobre 2012. Quest’anno la conferenza si terrà per la prima volta al Berliner Congress Center (bcc).

Il primo blocco tematico del 12th Pellets Industry Forum verterà su trend e sviluppi del mercato internazionale del pellet. Nel dibattito che seguirà, dal titolo “Verso un (nuovo) boom del pellet”, si discuterà degli sviluppi attuali del mercato in relazione alla crescita dei prezzi per le fonti di energia fossile.

Baltic pellets Lituania

baltic pellets
www.baltic-pellets.lt
Prezzo 140-180 EUR / t – Exw

Pellet di legno Tomdeka Lituania

pellet di legno tomdeka
www.tomdeka.lt
Prezzo 140-180 EUR / t – Exw

Legna secca Lituania

legna secca
www.woodbioma.lt

Un’intera sessione al primo e al secondo giorno del congresso sarà dedicata al mercato delle stufe e delle caldaie. Si parlerà delle ripercussioni della legislazione in materia di riduzione delle emissioni e dei risultati raggiunti dalla ricerca riguardo al rendimento dei sistemi diriscaldamento a pellet. Anche gli argomenti inerenti alla sostenibilità dello sfruttamento della materia prima, alla produzione e alla commercializzazione del pellet verranno trattati in un blocco tematico dedicato. I rappresentanti di aziende e associazioni metteranno a dibattito le misure necessarie a garantire la sostenibilità della produzione di pellet in un mercato globalizzato. Altri temi importanti della conferenza riguarderanno l’incremento dell’efficienza, la sicurezza dello stoccaggio, la logistica e le nuove tecnologie.

Il 12th Pellets Industry Forum sarà integrato dalla conferenza annuale sulle biomasse, organizzata per il 10 ottobre dalla piattaforma RHC, la piattaforma tecnologica europea per il riscaldamento e il raffreddamento da fonti rinnovabili.

Il programma dettagliato del 12th Pellets Industry Forum , il modulo di registrazione online e altre utili informazioni sono reperibili sul sito Internet della manifestazione all’indirizzo web www.pelletsforum.de.

Link1 | Link2 | Link3

Copyright © 2013. All Rights Reserved.